Università per l’Impresa e il Lavoro 4.0

fachhochschule-vorurteile-thinkstock-gajus-478017098

L’Associazione intende promuovere la nascita di un’Università per l’Impresa e il Lavoro 4.0 sul modello delle Fachhochschule e delle University of Applied Sciences, al fine di rispondere alle attuali carenze nel nostro sistema formativo nello specifico campo della formazione terziaria professionalizzante, ormai sempre più strategico per il futuro del nostro sistema industriale.

4F744983-C056-4614-98DB-2B4BEB18C9A1Come recentemente rilevato da Confindustria esiste una domanda di lavoro che è destinata, nei prossimi cinque anni, a restare insoddisfatta. «L’indagine da noi svolta ha preso in esame cinque settori cardine per l’Italia, vale a dire la meccanica, l’agroalimentare, la chimica, la moda e l’ICT. Abbiamo domandato di quali e quante figure professionali le aziende avessero bisogno in un arco di cinque anni e tenendo conto di una crescita economica simile a quella dell’ultimo anno. E la cifra che ne è venuta fuori è quella: tenendo conto del saldi tra pensionamenti e diplomati dagli istituti tecnici il gap previsto è di 280.000 tecnici che la nostra manifattura non riuscirà a trovare sul mercato. Un autentico cortocircuito, perché negli ultimi mesi le aziende hanno investito molto per rinovare i loro impianti e adeguarsi alla rivoluzione digitale ma ora rischiano di non trovare le persone necessarie a farli funzionare» (G. Brugnoli – Vice Presidente con delega al Capitale Umano di Confindustria).

L’Università per l’Impresa e il Lavoro 4.0 intende rispondere alle necessità del settore manifatturiero che il nostro sistema formativo non è in grado di soddisfare. Si tratta di una questione strategica per il Paese, che interessa tanto la competitività del nostro sistema produttivo quanto la dignità del lavoro e le future opportunità occupazionali dei nostri giovani.

Mission

Accompagnare la transizione al paradigma dell’impresa e del lavoro 4.0 favorendo lo sviluppo del nostro capitale umano attraverso l’innalzamento del livello delle qualifiche accademico-professionali di coloro che sono già inseriti del mondo del lavoro, di coloro che sono esclusi dal mercato del lavoro, di diplomati tecnici o in possesso di certificazioni professionali, mediante l’offerta di percorsi di studio integrati, strutturati sulla base delle reali esigenze del sistema industriale, che si distinguano per la capacità di coniugare la formazione universitaria erogata in modalità blended e e-learning con quella tecnico-professionale e on the job.