Edu4Industry4.0

IMG_1735Il contesto di riferimento

L’ampliamento dell’attuale offerta di percorsi di formazione professionale riveste un ruolo decisivo per la competitività del sistema Paese.

Le nuove scuole di tecnologia – se opportunamente supportate dal sistema universitario e della ricerca scientifica e dal mondo delle imprese – possono accompagnare le nostre imprese e il capitale umano del Paese nell’adozione dei paradigmi produttivi della smart manufacturing e, più in generale, nell’affrontare le sfide connesse all’introduzione delle nuove tecnologie nel mondo del lavoro.

Da un lato occorre far fronte alle mutevoli esigenze degli attori del sistema economico e sociale; dall’altro, rispondere a quelle dei lavoratori – durante tutte le fasi del percorso professionale – di acquisire sempre nuove e più sofisticate competenze, garantendo il costante aggiornamento delle stesse. Formare cioè giovani in grado di interpretare i cambiamenti in corso, pronti a dotarsi delle competenze richieste dalle imprese secondo un modello di formazione continua.

La centralità della formazione nel contesto economico e sociale odierno richiede però investimenti sempre maggiori da parte delle famiglie, ai cui membri l’attuale contesto competitivo richiede un continuo allineamento di competenze rispetto alle effettive esigenze del mercato del lavoro con un notevole impiego di risorse. Se ciò è senza dubbio foriero di nuove opportunità di crescita e di sviluppo economico e sociale, la sempre più rapida evoluzione delle competenze richieste dal mondo del lavoro rischia però di accentuare le disuguaglianze colpendo le fasce più deboli della popolazione (e, in particolare, i giovani), generando nuovi fenomeni di esclusione e disoccupazione.

Occorre perciò attirare investimenti sul capitale umano del Paese (e, in particolare, sulla formazione dei giovani e dei lavoratori al di sotto dei 40 anni d’età) promuovendo la nascita di nuove iniziative imprenditoriali o di lavoro autonomo, offrendo agli attori del sistema economico le competenze (know-how, hard skills, soft skills) necessarie per affermarsi e competere a livello globale, incrementando le opportunità di inserimento nel mondo del lavoro di coloro che concludono gli studi universitari e i percorsi di formazione professionale.

IMG_1492Dall’analisi di questo contesto nasce il progetto Edu4Industry4.0 che vede nel Consorzio Nettuno il veicolo prescelto per la sua attuazione.

Gli obiettivi

Gli obiettivi del progetto sono sintetizzabili nei seguenti punti.

  • Dar vita ad un Hub di accelerazione per il Sistema ITSun vero e proprio Ateneo per l’Impresa e il Lavoro 4.0, capace di sviluppare un’offerta formativa (Lauree per Diplomati ITS 2+1) sinergica tra ITS (Soggetti erogatori biennio) e Università (Soggetti erogatori moduli universitari) mantenendo uno stretto collegamento con il mondo delle Imprese:
    • realizzando un portale di formazione on-line e blended per la formazione post Diploma di Tecnico Superiore (corrispondente al V livello del Quadro europeo delle qualifiche)
    • sviluppando iniziative tese a favorire l’integrazione tra Università – Scuole di tecnologia (ITS) – Imprese, attraverso la digitalizzazione di parte dei contenuti formativi e la creazione di Academy articolate in settori industriali
    • curando sia la progettazione di nuovi percorsi di formazione professionale (Lauree ITS, Master, Corsi di Alta Formazione), coerenti con le reali esigenze espresse dal mercato del lavoro, che favorendo il riconoscimento dei titoli e delle qualifiche accademiche.
  • Nella promozione del Sistema ITS e della relativa offerta formativa professionalizzante;
  • Nello sviluppo di iniziative di Microcredito per la formazione tese a sostenere studenti, lavoratori e disoccupati nel pagamento dei corsi di formazione professionale, favorendo l’ampliamento dell’offerta formativa a mercato delle scuole di tecnologia (ITS) e sostenendo gli investimenti da parte delle famiglie.

Linee di azione

  • Brandizzazione offerta formativa ITS attraverso la costruzione di una forte sinergia con le imprese, i distretti industriali e le associazioni di rappresentanza.
  • Riprogettazione percorsi formativi favorendo un’articolazione dell’offerta formativa ITS – Università per settori industriali (meccatronica, life science, ITC, ecc…)
    • tenendo conto dei fabbisogni formativi emergenti nelle singole industry
    • permettendo il riconoscimento dei crediti connessi alla frequenza dei corsi ITS ai fini della prosecuzione dei percorsi di studi fino al conseguimento di una laurea triennale
    • sviluppando, ai fini dell’integrazione dell’offerta formativa ITS con quella universitaria, brevi percorsi universitari e-learning o blended finalizzati al conseguimento della laurea triennale (Laurea ITS)
  • Costruire un network di Università erogatrici disponibili a riconoscere i Percorsi ITS, rilasciando titoli universitari
  • Sviluppare programmi di microcredito per la formazione professionale a supporto dell’ampliamento dell’offerta formativa a mercato degli ITS (Progetto Ruberti – Industria 4.0 in collaborazione tra Consorzio Nettuno e Ente Nazionale per il Microcredito)

Destinatari delle azioni oggetto del progetto

  • Fondazioni ITS
  • Università
  • Imprese
  • Famiglie
  • Docenti e Studenti scuole superiori
  • Studenti fuori corso
  • Giovani inoccupati
  • Lavoratori interessati da programmi di riqualificazione

Soggetto copofila

Consorzio Nettuno (Consorzio universitario per la digital education e l’industry 4.0).
Sulla base dell’esperienza maturata in più di venticinque anni di attività sul fronte dell’affiancamento alle Università tradizionali ai fini dell’erogazione della Lauree a distanza, nel nuovo contesto della formazione per l’Industria 4.0, il Consorzio potrà:

  • mettere a disposizione degli ITS e delle Università specifici moduli didattici da erogarsi in modalità e-learning necessari per integrare i percorsi formativi ITS ai fini del conseguimento di una laurea triennale (Laurea ITS 2+1)
  • consentire di creare e personalizzare i percorsi di Laurea ITS sia attraverso la creazione di nuovi contenuti, sia attingendo al vastissimo archivio digitale di contenuti accademici e formazione professionale
  • fornire supporto nella realizzazione di corsi e moduli a distanza (videolezioni, mappe concettuali, materiali didattici associali alle videolezioni) da creare ex novo in funzione delle esigenze didattiche di ogni singolo Ateneo o ITS
  • cooperare con gli ITS e le imprese nei progetti di internazionalizzazione e decentramento delle attività formative sia a livello di contenuti che di piattaforma tecnologica
  • trasferire competenze al personale docente, tecnico e amministrativo degli ITS, attraverso specifici percorsi di formazione per metterli in grado di saper gestire tutte le complesse attività legate alla formazione per l’Industria 4.0
  • collaborare alla creazione di nuovi modelli di tutorato per gli studenti fuori corso del I e II anno dell’università e quelli che durante il primo semestre universitario non hanno sostenuto alcun esame, favorendo il passaggio ai Diplomi ITS o alla Laurea ITS
  • cooperare con gli ITS nella progettazione dei corsi di qualificazione e riqualificazione professionale, di Alta Formazione e per la progettazione di Master a distanza (ITS Academy e Formazione Continua)
  • supportare le imprese e gli ITS nella trasformazione di questi ultimi in provider di formazione per i lavoratori occupati e di supporto alla ricerca applicata
  • consentire alle Università di sperimentare l’introduzione di una nuova categoria di studenti (Studenti Laurea ITS), integrando le attività didattiche in presenza con moduli specificamente previsti per la didattica on job
  • consentire alle Università tradizionali di far iscrivere gli studenti fuori corso ai corsi di Laurea ITS
  • offrire agli ITS e alle Università servizi di students recruitment ai fini della promozione dell’offerta formativa professionalizzante

I servizi, le tecnologie e le strutture del Consorzio possono consentire agli ITS di recuperare la loro vocazione originaria migliorando la loro reputation e alle Università coinvolte di potenziare l’offerta formativa e il numero di iscritti (senza impatto sui loro costi fissi); agli studenti, invece, di avere una maggiore possibilità di scelta potendo accedere a percorsi formativi fortemente professionalizzati: Diploma ITS (per coloro che vogliano investire 2 anni di studio) o Laurea ITS (per coloro che vogliano proseguire gli studi dopo il Diploma ITS conseguendo una laurea triennale).

Inoltre, la forte sinergia con le imprese nella progettazione dei corsi garantirà la possibilità da parte del Consorzio di offrire servizi di placement in grado di favorire il collocamento in azienda degli studenti delle single Università e ITS.

Gli stessi servizi possono essere personalizzati ed adattati alle esigenze formative di piccole, medie e grandi imprese per qualificare o riqualificare le competenze del proprio personale.